Pranoterapia

Dall’incontro tra la comprensione scientifico-spirituale delle forze cosmiche dell’Antroposofia e la Pranoterapia nasce la Pranoterapia Antroposofica o Pranosofia.

La Pranoterapia è una terapia energetica basata sull’uso del corpo vitale dell’uomo, chiamato anche corpo eterico. In Occidente era conosciuta nel Settecento come magnetismo animale e solo successivamente divenne nota come biomagnetismo o più comunemente Pranoterapia, dalla parola indiana Prana che significa “soffio vitale” o “forza vitale”. Viene anche chiamata “bioradianza”. Nella nostra cultura occidentale il prana viene chiamato Etere, dal nome della forza che gli alchimisti medievali avevano individuato quale fondamento dei quattro elementi, altrimenti nota come Quintessenza. L’etere coincide con la Vita, essendo il fondamento della vita vegetale, animale ed umana, ma nelle sue forme via via più sottili permea tutto il Cosmo.

L’etere del Cosmo è la forza vitale che dalle altezze celesti discende nella Natura, nei minerali, vegetali e animali. Non così per l’uomo di oggi, che nella frenesia della vita di tutti i giorni deve ritornare consciamente a questo libero scorrere delle forze cosmiche. La vita individuale si trova così separata da quella cosmica generando uno squilibrio. Tuttavia è solo in questo distacco che l’uomo trova la sua coscienza individuale, ed è attraverso una ritrovata consapevolezza che degli deve ricollegarsi alla Vita Universale.

Ritrova l’armonia nel fluire dell’etere, il nesso tra l’uomo e il Cosmo attraverso i trattamenti di pranoterapia.

Normalmente l’Io governa il corpo astrale, il che significa che i processi animici sottostanno al controllo dei processi di pensiero: pensieri negativi generano uno stato animico negativo, al contrario i pensieri creativi. A sua volta il corpo astrale governa il corpo eterico, il che significa che i processi vitali sottostanno al controllo dei processi animici: quando lo stato animico cambia, cambia di conseguenza lo stato vitale del corpo o di una parte di esso. Quanto più il pranoterapeuta è in grado di controllare i suoi processi di pensiero, tanto più controllerà lo stato animico e dunque l’emissione di prana sotto forma di calore dal suo corpo e specialmente dalle mani.

Così Io, astrale ed eterico sono legati da una relazione causale psicosomatica: lo stato mentale genera lo stato d’animo, e questo ancora genera lo stato vitale. Nella pranoterapia l’Io guida la polarizzazione del corpo eterico attraverso il processo di immaginazione: il pranoterapeuta durante il trattamento forma delle immagini interiori che agiscono da catalizzatori del flusso di prana. Le immagini così intessute esercitano un’azione mirata sulla matrice eterica così da poterla riportare all’equilibrio.

Il Principio di Polarità

La Pranoterapia è basata sulla polarità del corpo eterico dell’essere umano, che possiede così un polo negativo e uno positivo:

  • La metà sinistra è negativa, femminile, lunare e ricevente;
  • La metà destra è positiva, maschile, solare e radiante.

Ne deriva così che il corpo eterico funziona come un magnete dotato di una doppia polarità. Più vi è differenza di potenziale tra le due polarità eteriche, più il corpo è capace di emanare prana soprattutto dal palmo delle mani, sotto forma di calore. In generale quando il pranoterapeuta irradia prana, la sua temperatura corporea aumenta.

Ne deriva così che il pranoterapeuta usa le sue mani come strumenti. Si irradiano di etere le parti del corpo che subiscono una Disarmonia Fredda; mentre si assorbe prana nelle parti del corpo che subiscono una Disarmonia Calda. L’ideale armonico che guida pranoterapeuta è l’equilibrio della forza vitale che si esprime in un equilibrio della temperatura corporea.

Metodi associati alla Pranoterapia

 

Tecniche di Rilassamento

Respirazione in quattro tempi e svuotamento dello spazio interiore per acquisire sicurezza nell’esplorazione dell’anima e al contempo per staccare il corpo dai ritmi frenetici della vita quotidiana.

Meditazione guidata

Permette all’anima di esplorare tanto il suo spazio interno che viaggiare attraverso le sfere celesti alla scoperta degli archetipi che agiscono nella Natura, nell’uomo e nel Cosmo.

Aromaterapia

Calore e luce condensati negli oli essenziali del Regno Vegetale, aumentano la capacità del corpo di far circolare il sangue e al contempo agiscono come antisettici naturali, purificando il corpo eterico.

Cromoterapia

I colori dell’anima permettono di ristabilire l’armonia con estrema precisione. I colori caldi agiscono stimolando l’attività interiore, in modo opposto ai colori freddi che agiscono acquietandola.

Musicoterapia

Brani selezionati dai capolavori dei Maestri della musica classica, capaci di condurre l’anima in uno stato ricettivo per il trattamento. Dove la musica composta dall’ispirazione umana si unisce alla Musica delle Sfere Celesti. Può essere associata alla vibrazione delle vocali planetarie.

“Come in alto, così in basso.

Come dentro, così fuori.”

Svolgimento del colloquio di Pranoterapia

  1. Parliamo della disarmonia eterico-astrale che vogliamo equilibrare;
  2. Indaghiamo le cause sottili che hanno generato la disarmonia eterico-astrale;
  3. Tracciamo un quadro per immagini della condizione di equilibrio dei corpi sottili;
  4. Cominciamo una serie di trattamenti di Pranoterapia;
  5. Torniamo insieme ad evolvere verso lo spirito!
Disclaimer

Al fine di evitare equivoci ricordiamo che la Pranoterapia non ha nulla a che fare con la Medicina, solo il medico può diagnosticare e curare le patologie psicologiche. Il Pranoterapeuta si occupa del mantenimento del benessere della persona, così come di disarmonie presenti in assenza di patologie organiche o psichiche. Quella del Pranoterapeuta è una libera professione nell’ambito delle discipline olistiche disciplinata dalla Legge Numero 4, del 14 Gennaio 2013.